RISO BARAGGIA

RISO BARAGGIA

Tra il fiume Sesia, il torrente Elvo e la strada Biella Gattinara si estende la Baraggia Biellese e Vercellese, un’area pedemontana che dalle prealpi del Monte Rosa degrada dolcemente fino alla periferia nord di Vercelli.
Due sono gli elementi prodigiosi che caratterizzano questo territorio: il riso baraggia e l’acqua. Il termine Baraggia ha origini agronomiche e, da sempre, è stato usato per indicare i terreni poco fertili. Non un’acqua qualsiasi bensì l’acqua pura e impetuosa che arriva dal Monte Rosa e dalle vicine montagne, incanalata dall’energia idraulica, allaga la pianura portando con sé elementi che nutrono e caratterizzano la varietà del riso baraggia, impareggiabile per qualità e caratteristiche organolettiche.  riso baraggia
Le piante di riso coltivate in questo “magico territorio” assumono un abito vegetativo meno sviluppato: il grano del riso a maturazione presenta così una superiore compattezza e traslucidità e minori dimensioni per volume e peso. Il riso di Baraggia è l’unico Riso italiano a Denominazione di origine protetta ed è quello, in Europa, più importante per quantità.

Sette le diverse varietà di riso offerte dai risicoltori della Baraggia Biellese e Vercellese:

    1. Arborio,
    2. Baldo,
    3. Balilla,
    4. Carnaroli,
    5. Gladio,
    6. Loto
    7. Sant’Andrea.

La peculiarità di risi baraggivi si manifesta grazie ad una consistenza superiore ed a una minore collosità del grano rispetto alle stesse varietà prodotte in altre zone.

Si ringrazia per i materiali inviati sul riso Baraggia : Consorzio di Tutela Dop “Riso di Baraggia Biellese e Vercellese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Categorie